capricorno

Le persone con Plutone in Capricorno faranno di tutto per reinventarsi solo se sentono che il percorso che hanno scelto non funzionerà come originariamente pianificato. Investono molto tempo e sforzi per elaborare una strategia per la loro vita e il loro futuro.

Plutone, il pianeta più lontano, governa i nostri regni più oscuri. Ha il dominio sulle nostre paure, sui nostri segreti e sui nostri bisogni di potere e controllo. È Plutone che porta alla luce le parti più oscure di noi stessi, costringendoci a identificare dove sono necessari i cambiamenti.

Plutone in Capricorno: cosa significa?

La prefazione è che Plutone rimuove, per lasciare spazio a qualcosa di completamente nuovo. È importante ricordare quando si considera Plutone che, al di fuori delle nostre prospettive umane, non esiste il concetto di “giusto e sbagliato” o “buono e cattivo”. Plutone è tanto il devastante terremoto, quanto il rovo errante nel tuo giardino, che combatte le piante più morbide, nel suo desiderio di vivere e crescere.

Plutone in Capricorno riguarda il potere, le cose su cui abbiamo potere e le cose che hanno potere su di noi. Si tratta di riconoscere dove la tradizione ha fallito e dove è necessario un nuovo modo di pensare. Con Plutone, il cambiamento non avviene in silenzio e tendiamo a non accettarlo nemmeno volentieri. Questo è uno sconvolgimento rumoroso, dirompente, a volte spaventoso, spesso sgradito, ma è molto necessario.

Di regola, gli eventi causati da Plutone non possono essere anticipati, gestiti o fermati. Hanno un odore fatale e inesorabile (una malattia grave, la perdita di una persona cara, la caduta dalla carica e la popolarità, ecc.). Pertanto, i Capricorno sono invitati a rivolgersi a sé stessi, al sé interiore, allo spirito. E in questo caso, avranno un alleato in Plutone.

Dove Plutone agisce ci porta cambiamenti lenti ma forti, a livello interiore, profondi e possono anche essere cambiamenti del destino. Inoltre, Plutone è un pianeta che parla di karma ed è per questo che ci costringe a guardare negli angoli più nascosti delle nostre profondità per portare in superficie tutto ciò che è meglio in noi per la trasformazione.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *