L’Ariete, in coppia con il Capricorno, sono la prova di due segni molto diversi che possono andare d’accordo solo ed esclusivamente se si impegnano al massimo.

Questi due segni, hanno un modo diverso di affrontare le situazioni e la vita in generale. Il Capricorno, prima di agire, riflette, pensa mille volte, invece, il suo partner è impulsivo.

L’Ariete è frettoloso, mentre il partner Capricorno è molto ponderato, non vuole correre nessun rischio, ecco perché pensa tantissimo prima di intraprendere un’azione.

Ariete e Capricorno: funziona?

L’Ariete è vulcanico, mentre il suo partner è molto calmo e riservato, l’unica cosa a cui, entrambi si sentono molto legati, è la testardaggine.

Sia L’Ariete che il Capricorno, vogliono avere ragione, comandare ed essere leader, quindi per un buon equilibrio, all’interno della coppia, serve un grande compromesso.

Il Capricorno, quando vuole ottenere una cosa, lavora, soffre in silenzio e alla fine si gode la vittoria finale. Il suo partner invece, vuole ottenere tutto con massima velocità, quindi, spesso, rischia di mettersi in situazioni pericolose.

Il Capricorno, quando si tratta di avere una relazione, studia per bene la persona che ha davanti, invece, l’Ariete, si butta con tutte le scarpe, senza pensarci due volte.

Parliamo di due segni molto diversi tra di loro, ma nonostante questo, se entrambi i partner decidono di collaborare, la relazione sarà all’insegna della crescita personale.

L’Ariete è un segno di fuoco, governato da Marte, il Pianeta della passione. Il Capricorno, è un segno di terra, governato da Saturno, il Pianeta del Karma.

L’energia che dona queste due Pianeti alla coppia, prende una forma conflittuale. All’interno del rapporto amoroso, nascono spesso incomprensioni e litigi.

Diciamo che l’Ariete ed il Capricorno, vanno molto d’accordo se sono colleghi, perché entrambi hanno una forza fuori dal comune e sono in grado di ottenere impressionanti risultati.

Se ti è piaciuto questo articolo, condividilo con i tuoi amici.

1 commento

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *