Coco Chanel, all’anagrafe Gabrielle Bonheur Chanel, è una fra le più grandi e celebri stiliste francesi. Il motivo del suo successo? Dovete sapere che Coco Chanel aveva un segreto, e questo segreto era strettamente legato al numero 5.

Il 5, ma anche il 19, il 21, il 22, il 18. Per questa straordinaria donna, questi numeri erano considerati come talismani, in effetti fu proprio la sua conoscenza della numerologia a garantirle il successo.

Tutti gli amici di Coco Chanel infatti, conoscevano la numerologia, l’astrologia e la divinazione. La maggior parte invece erano seguaci della teosofia, una dottrina filosofico religiosa, che combinava occultismo, dottrine esoteriche e filosofiche, sedute spiritiche e quant’altro.

Coco Chanel: segreto del numero 5

Fin da piccola, mostra molto interesse per la simbologia e per i numeri.

Nata in estrema povertà in un ospizio, viene affidata ad un orfanotrofio ad Aubazine. Da allora, comincia il suo percorso di conoscenza nella simbologia, geometria sacra e numerologia.

E come poteva essere diversamente, la chiesa d’altra parte era tappezzata di simboli, numeri, e i monaci del monastero. Ben presto educarono la piccola Coco ai misteri dell’ universo.

Le spiegarono che tutto nell’Universo era governato da una geometria sacra, e ogni cosa all’ interno del monastero rimandava a questo e alla potenza dei numeri.

Le finestre, allineate a 3 rimandano al concetto della trinità, il 6 alla creazione, e così via, ma fu numero in particolare, ad attrarre l’attenzione della futura stilista. Colei che un giorno avrebbe dettato le regole della moda, il mitico 5.

Questo infatti, è il nome del profumo che ha conquistato il mondo, colui che ha decretato lo straordinario successo di Coco Chanel.

Secondo i monaci e le suore del monastero, il 5 rappresenta l’uomo e il suo destino. Tutta la simbologia esoterica del numero, legata fra l’altro ai riti dei templari viene spiegata a Coco, e lei ne è attratta facendone poi in seguito, il suo talismano portafortuna.

In alcune dottrine, questo numero rappresenta l’etere, dopo i quattro elementi principali, fuoco, acqua, aria e terra. E la storia del suo successo è molto singolare e vale la pena riportarla.

Coco Chanel, aveva un amore, che si chiamava Boy Capel, il quale, fu il primo finanziatore della prima boutique della stilista. Il numero portafortuna di Boy è il 5, e fu questo stesso numero che le fu predetto a Coco da una chiromante come portafortuna che le avrebbe garantito il successo.

Approfondimenti:

Infatti, quando presentò i suoi campioni, al noto profumiere Ernest Beaux, fu proprio il flaconcino numero 5 ad attirare la sua attenzione. Quando si dice il caso.

Ma, chi conosce la numerologia, sa benissimo che il caso non esiste, e Coco che era ben addentro a misteri esoterici, decise di presentare il suo profumo il 5 di maggio, ovvero il quinto mese dell’ anno, chiamandolo appunto numero 5.

Ma questo non fu l’unico numero di Chanel, addentra com’era nei misteri esoterici, usò tutta la sua conoscenza nei numeri per creare altri capolavori. Il numero 19 per esempio è un altro numero alla quale la stilista era legata, e fu il suo secondo successo nell’ ambito dei profumi. Questo è il giorno della sua data di nascita, ovvero 19 agosto 1883.

Nel 1922 fu la volta del mitico numero 22, nome di uno fra i più potenti numeri maestri data a questa deliziosa fragranza, molto forte, sensuale, seducente, un omaggio alla femminilità.

Dieci anni più tardi la fragranza 1932, un omaggio alla prima collezione di Haute Joialleire Chanel, “Bijoux de diamants, l’archivio mostra come i disegni di questa collezione, erano pieni di simboli religiosi ed esoterici.

Altre due fragranze famose sono la numero 31 e la numero 18, omaggio rispettivamente di due indirizzi, il 31 di Rue Cambon, dove si trova il suo storico negozio e il 18 di Place Vendôme sede dove trova spazio l’alta gioiellereia della stilista.

Se ti è piaciuto questo articolo condividilo con i tuoi amici. Desideri avere un quadro Astro-Numerologico personalizzato? Non esitare a contattarmi.

2 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *